MENU

cell. 339 8560940

antonio.miscia@gmail.com

Dominazione

Buonasera Dottor Miscia, Ho 34 anni ed una relazione conflittuale con un uomo di pochi anni più grande di me… Il conflitti sono dovuti al fatto che è più tempo passa,piu’ cerca di sottomettermi a letto. Inizialmente avevamo rapporti dolci e passionali… Con il crescere della confidenza e dell’ intesa, sono cominciati i giochetti erotici (essere legata, bendata), lo scambio di fantasie erotiche… E fin qui tutto bene,ero pienamente soddisfatta della nostra sessualità. Il problema è che con il tempo le cose si sono irrigidite,quindi lui deve decidere tutto ed io eseguire… Ha una predilezione per il rapporto orale,che non deve mai mancare ma di volta in volta deve imporre anche se avere un rapporto genitale o anale o altro,persino se baciarmi o no! Io non ho più libertà di parola e più è eccitato e più si impone… Quello che per me inizialmente era un gioco eccitante, adesso per me è a volte umiliante, perché le sue maniere sono sempre più “forti”… Più di una volta il rapporto sessuale si è interrotto perché io scoppio a piangere, e a quel punto è come se lui tornasse lucido e ritorna ad essere dolce e premuroso nei miei confronti. Io ho provato a parlargli e a dirgli che questi suoi modi di fare mi fanno sentire umiliata, un oggetto sessuale, anzi sono certa che lui in qualche modo vuole vedermi di proposito umiliata e ferita moralmente, salvo poi dispiacersi. Lui sostiene che mi ama ma che nel tempo lo eccita sempre più sottomettermi a lui, sentire di avere potere su di me… Questa sua dinamica relazionale è emersa con me. Sostiene che non ha rancore nei miei confronti e che mi desidera tanto e lo vedo questo sempre,ma si possono coiungare sentimenti di amore e desiderio di potere verso la stessa persona? Non sono l’ uno l’ antitesi dell’ altro? Posso credere che un uomo che sente il bisogno di sottomettermi a lui mi ami? In altri contesti,fuori dal letto, è più equilibrato, anche se amante del controllo… Per me questo suo modo è un rifiuto dell’ intimità… Lui sostiene che è istintivo e che se lui fosse “succube” mio io non lo amerei… Quello che per me è mancanza di rispetto, obbligandomi (se ni rifiuto si eccita di più) per lui è fonte di piacere… Io lo amo tantissimo e sono aperta a letto, ma questo suo modo di fare mi sta cominciando a preoccupare! Grazie per l ascolto e per la disponibilità.Ah,aggiungo che lui mi ripete sempre (durante il rapporto)che lui decide tutto, che devo fare quello che vuole lui…e che quello che mi dà lui non me lo può dare nessun altro,ma io non cerco nulla da nessuna parte! Potrebbe essere questi comportamenti come l’ anticamera di comportamenti sadici?

      Antonio Dott. Miscia

      Salve, le volevo suggerire come sia opportuno spostare il baricentro dalle caratteristiche di lui, alle esigenze e dinamiche psichiche di lei le quali la spingono a trovarsi coinvolta in giochi sessuali di questo tipo. Se lei sospetta che quelli di lui siano comportamenti sadici, è opportuno che lei si chieda quanto e perchè sia affascinata da comportamenti di tipo masochistico,cioè se supponiamo che esista in lui il piacere di dominare, esiste in lei un piacere corrispondente dell’essere dominata. Qui entra in ballo il suo essere, le problematiche profonde che la riguardano e che solo un lavoro radicale sul suo inconscio può dipanare e portare alla luce. La saluto cordialmente