MENU

cell. 339 8560940

antonio.miscia@gmail.com

Triolismo

Gentile Dottore, Le vorrei esporre la mia situazione. Ho scritto sul sito,ma non ho capito se sono riuscita a mandare correttamente il messaggio. Sono una donna di 35 anni ed ho una relazione con un uomo di 40, molto soddisfacente dal punto di vista sessuale da più di due anni. Tuttavia le fantasie sessuali che lui ha su di me,mi lasciano sbigottita e confusa, perché lui vorrebbe che andassi a letto con qualcuno davanti a lui, per vedere come mi comporterei con un altro e poi dimostrarmi che solo lui sa darmi piacere sessuale,come nessun altro! Ecco…la sua ossessione è dimostrarmi che come mi dà piacere lui,non può farlo nessun altro! Io gli ripeto che lo amo,che come è con lui non è mai stato con nessuno, ma pur credendomi non gli basta,vorrebbe vederlo! È curiosissimo anche sul mio passato sessuale, mi chiede sempre dettagli su cosa facessi, se mi piacesse e perché… È in continuo confronto con tutti gli uomini! Altra sua fantasia sarebbe quella di farlo con una donna davanti a me,negarmi il piacere di proposito (vedendolo dare ad un’altra),e qui ci vedo un gusto sadico, e poi farlo con me per farmi vedere che con me è tutt’ altra cosa e darmi più piacere. Un mio amico psicologo,pur non essendo di sua competenza,mi ha detto di informarmi su questa parafilia,chiamata “triolismo”. Sembra che queste fantasie siano emerse per la prima volta con me,ma le vedo ossessive! Esprimono mancanza di sentimento nei miei confronti? Posso fare qualcosa per gestirle direttamente io,senza cedervi? Altro particolare: nelle sue fantasie io domino gli uomini,mentre lui ama dominare me. Mi vede con un carattere forte e determinato,oltre che una donna molto sensuale. Spero in un Suo aiuto! La ringrazio anticipatamente!M.

      Antonio Dott. Miscia

      Salve il triolismo,altresì noto come cuckoldismo ,non rientra nelle classiche otto parafilie e consiste nel provare piacere guardando il proprio partner mentre ha un rapporto sessuale con qualcun altro, possibilmente senza che la terza persona ne sia a conoscenza. Questa e altre tendenze sessuali del suo compagno orientano verso una pulsionalità complessa in cui si mescolano, in vario modo tendenze esibizionistiche, voyeristiche,, sadomasochistiche ed altre, vissute direttamente o tramite identificazione con il partner. Sono tendenze che segnalano rapporti conflittuali con le figure di riferimento della prima infanzia, spesso sepolte nell’inconscio. Per capire la specificità del soggetto sarebbe ovviamente necessario un contatto diretto con lui, ma, le dico per esperienza, fintantoché queste persone non entrano in qualche forma di sofferenza, non vanno in analisi. La saluto cordialmente. Antonio