Gentile dottore, ho 67 anni e i seguito ad una diagnosi di linfoma, trattato ed attualmente in fase di remissione, per controllare lo stato di ansia e soprattutto l’insonnia, su consiglio della mia ematologa ho iniziato a prendere delle gocce di tranquirit prima di andare a dormire, 18. La dose, inizialmente aggiustata a partire da 10 gocce, è sempre la stessa da quasi 2 anni, tanto da indurmi a pensare che ormai l’uso del farmaco serva soltanto a darmi sicurezza e ad evitare sintomi di astinenza, senza avere più alcun effetto terapeutico. Ora che le mie condizioni fisiche e psicologiche sono migliorate, credo che le alternative che mi restano siano 2: continuare così a vita oppure smettere. Io propendo per la seconda  ma da quello che ho sentito sembra  che non si possa farlo dall’oggi al domani. Lei come mi consiglierebbe di procedere?