MENU

cell. 339 8560940

antonio.miscia@gmail.com

Confuso e sconfortato

Gentile Dottore sono in terapia da circa 2 mesi da un psicoterapeuta. Ho fatto un test con tantissime domande impiegando circa 2 sedute di 1ora per terminarlo (rispondevo molto velocemente) be il risultato e che ho una personalità borderline oppure tratti borderline ( non ricordo bene) La mia domanda e se ci sono vari stadi di questa patologia oppure diverse sfaccettature. Oppure può anche trattarsi di altro. io non mi provoco lesioni corporee ne ho paura dell’abbandono, anzi tendo più ad isolarmi. Ho sempre un approccio positivo con le persone. adesso sono abbastanza depresso con sbalzi di umore anche giornalieri, eccedo con alcol, sigarette e a volte sostanze. ho un lavoro che odio da 8 anni e sono fidanzato da 12 anni con una ragazza seria che non mi ha mai dato modo di essere geloso ma che ho sempre tradito spesse volte. in macchina corro abbastanza. poi ci sono dei mesi che smetto di fumare e di bere e inizio a fare sport periodicamente a prendermi cura della mia persona in modo maniacale con una voglia di sesso spropositata che mi porta a frequentare locali trasgressivi. Poi ricado nella mia routine di sigarette alcol e stati depressivi dove non vedo un futuro per me (mi sento un mediocre un fallito) Lei cosa intuisce? La ringrazio molto Saluti

      Antonio Dott. Miscia

      Salve, non si comprende chiaramente se il test che ha effettuato sia stato effettuato o meno, dallo stesso terapeuta.Consideri che l’attendibilità dei test per l’inquadramento diagnostico è molto aleatorio, perchè sul risultato del test stesso agiscono numerose variabili. Il test assolutamente attendibile è quello che fa un analista, che ha compiuto fino in fondo la sua analisi personale, valutando il suo controtranfert verso il paziente.Credo che per lei sarebbe opportuno non tanto occuparsi della diagnosi, quanto osservare come procede il rapporto con il suo terapeuta, se, cioè si è costruita una solida alleanza di lavoro e se viene a galla progressivamente il materiale sepolto nel suo inconscio. Comunque l’inquadramento diagnostico stesso può essere effettuato solo da colui che ha un contatto diretto con lei. La saluto cordialmente.